Evento traumatico: scrivi ed elabora

Evento traumatico: scrivi ed elabora

Ne hai mai parlato del tuo evento traumatico? Ne hai mai scritto?

Questi sono due interrogativi che hanno spinto Cosiré a sviluppare un corso/laboratorio di autobiografia. Dietro di essi c’è quasi sempre un mondo, che siano eventi recenti o lontani comunque continuano a manifestare le proprie influenze sulle nostre vite.

La base di partenza è che l’evento traumatico, accade. La maggior parte delle volte accade senza che ci sia stata una  scelta, cogliendoci impreparati e con la chiarissima sensazione di aver vissuto un’ingiustizia.

Una delle principali caratteristiche di questo tipo di eventi è quella di destrutturare la nostra visione del mondo. Portano  discontinuità nella capacità di previsione circa la realtà che ci circonda  e al contempo una frattura a livello di personalità: ciò che prima risultava a noi familiare e prevedibile, immediatamente non lo è più. Un esempio che spiega cosa io intenda ce lo offre la cronaca recente:  si sono verificate a Roma una serie di aggressioni all’interno di parcheggi condominiali. Quella che è stata la routine per gli abitanti dei condomini, quindi prevedibile ed abitudinaria – torno dal lavoro, parcheggio l’auto e salgo a casa, il luogo che ritengo che mi protegga di più al mondo – all’improvviso si infrange perché qualcuno compie delle aggressioni. Questo è ciò che intendo per frattura relativa alla prevedibilità del mondo.

evento traumaticoQuali strategie attuiamo di fronte ad un evento traumatico?

Di fronte a questi accadimenti mettiamo in atto delle contromisure, adottiamo cioè delle strategie che ci permettano di superarli. Tali strategie sono più o meno adattive ma il risultato finale sarà apparentemente il medesimo: l’evento e i vissuti ad esso collegato si attenuano fino, alcune volte, a scomparire.

Nel processo di elaborazione dell’evento, pur nella differenza individuale, è possibile ravvisare tre stadi che procedono nel corso di 12-18 mesi di tempo:

  1. intensità: questa è la fase successiva all’evento, in cui c’è una attivazione molto forte delle emozioni e dei vissuti. Dura dai 4 ai 7 mesi;
  2. plateau: questa è una fase di relativa quiescenza, dopo la bufera dell’evento e i vissuti conseguenti, si arriva ad uno stadio in cui si tende ad avere un umore costante e diretto verso vissuti spiacevoli. Si continua a pensare a ciò che è accaduto, ma intervengono aspetti maggiormente razionali, con i quali si cerca di prendere le distanze dall’accaduto e  inserirlo nella propria storia dotandolo di un senso. (Si ragiona di più e si reagisce di meno). Dura all’incirca 1 anno.
  3. risoluzione: è la fase finale, quella in cui l’avvenimento, i vissuti, i motivi sono stati inseriti ed assimilati nella propria storia personale.
Prova a riscrivere la tua storia! Partecipa al Laboratorio Autobiografico L’esercizio della scrittura autobiografica può permetterti di vedere gli eventi della tua vita sotto una luce diversa.

Quali sono le vie che si presentano davanti ad un evento traumatico?

  1. Qualora vi fosse l’impossibilità o  scarse possibilità di parlarne e di esprimere le emozioni ad esso collegate, oltre ad una dilatazione dei tempi degli stadi di elaborazione, rischiamo di non arrivare mai allo stadio finale. L’avvenimento rimane distaccato da noi e dalla nostra storia, non lo possiamo accettare. Però ci è comunque accaduto e questo comporta un permanere del ricordo e del vissuto intatto ma alienato. E’ come se venisse confinato dietro qualche porta (mi viene in mente la favola di Barbablu) e lì rimane. Ma quando qualche altro evento o qualche persona troverà e inserirà casualmente la chiave, la porta lascerà entrare la luce nella stanza e questo metterà in mostra il mostro. A questo punto si riproporrà la prima fase, l’intensità. Cosa faremo? Forse ci diremo che è passato tanto, troppo tempo e che ora stiamo bene e che non vale la pena soffrire nuovamente per quel fatto, decretando così la nuova chiusura della porta.
  2.  Se abbiamo avuto modo di esprimerci in merito all’evento traumatico, per iscritto o in altra forma, è altamente probabile che riusciremo ad integrarlo nella nostra storia. Questo perché mettendo nero su bianco o narrando a qualcun’altro – per esempio in una psicoterapia – modifichiamo quell’evento, lo rappresentiamo guardandolo in modo differente e lo inseriamo nel racconto della nostra storia personale.

 

Qual è in termini pratici la differenza tra le due strade?

Sicuramente- molte ricerche sono state svolte in questo campo in USA, per questo vi rimando al libro in bibliografia- la più insidiosa è legata all’insorgenza di malattie psicosomatiche (cefalee, dolori, malattie della pelle, nausee) e al proprio senso di benessere. E’ stato infatti riscontrato un minor ricorso a visite mediche, conseguenti screening e  ricorso ai farmaci, da parte di chi aveva avuto l’opportunità di raccontare eventi e vissuti, rispetto  a chi ha narrato  gli eventi nel modo più razionale possibile –  tenendo quindi per se la tempesta emotiva- e a chi non li ha mai raccontati.

Gianpaolo Bocci

 

¹ James W. Pennebaker, Scrivi cosa ti dice il cuore. Autoriflessione e crescita personale attraverso la scrittura di sé, Erickson, 2004

Iscriviti al Laboratorio Autobiografico: 2 psicologi ti guideranno per 8 incontri alla scoperta del tuo passato.

Iscriviti al Laboratorio Autobiografico: 2 psicologi ti guideranno per 8 incontri alla scoperta del tuo passato.

Scopri di più
Facebook Comments

Related Posts

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.