Blog

Intelligenza Emotiva: 18 caratteristiche comuni

Intelligenza Emotiva: 18 caratteristiche comuni

Quando l’intelligenza emotiva cominciò ad essere conosciuta ai più, si scoprì un dato importante: coloro che avevano un quoziente intellettivo nella media riuscivano nel tempo a raggiungere risultati superiori di coloro che possedevano un QI superiore. Questa anomalia ha spinto ad interrogarsi sul reale valore del quoziente intellittivo nella realizzazione personale o professionale.

Decenni di ricerca hanno portato a considerare l’intelligenza emotiva (IE) come un fattore determinante per emergere. La connessione è così evidente che il 90%  delle persone che raggiungono obiettivi significativi presentano livelli molto alti di intelligenza emotiva.

L’intelligenza emotiva è difficilmente definibile: è una dote che ci appartiene, ma è intangibile. E’ fondamentale nella gestione delle relazioni, per navigare nella complessità della società, e  compiere scelte sensate che portino  risultati positivi.

Nonostante l’importanza dell’IE, la sua natura intangibile rende complicato misurarla e sapere cosa fare per svilupparla se manca. Si possono tentare dei test scientificamente validi, come il test presente nel libro Intelligenza emotiva 2.0, ma sfortunatamente molti di questi test non sono gratis. Così per provare a sviluppare la propria o comprendere se se ne possiede si può fare riferimento ai comportamenti e alle caratteristiche che accomunano le persone con un alta intelligenza emotiva.

Ecco le 18 caratteristiche delle persone dotate di Intelligenza Emotiva

1. Posseggono un vocabolario ampio definire le emozioni.

Tutti proviamo delle emozioni, ma definirle con precisione è spesso complesso. Una ricerca mostra che solo il 36% delle persone può definirle esattamente. Non riuscire a tradurre il parole le emozioni favorisce i fraintendimenti (con se stessi e gli altri), e coseguentemente si rischia di compiere scelte irrazionali o azioni controproducenti.

Le persone con una spiccata intelligenza emotiva governano le proprie emozioni perchè le comprendono sanno definirle.  Mentre molti descrivono le loro emozioni in maniera semplice ad esempio “Sono arrabbiato”, gli intelligenti emotivi riescono a definire se nono “irritati”. “frustrati”, “ansiosi” o “oppressi”.  La specificità delle parole che si scelgono è il modo migliore per spiegare ciò che si sente, cosa lo genera e cosa si può fare per risolvere.

2. Sono incuriosite dalle persone

Questo non li definisce come introversi o estroversi, le persone dotate di intelligenza emotiva sono incuriosite da tutti coloro che li circondano. La curiosità è il prodotto dell’empatia, uno dei più importanti segnali di un alto livello di IE.  Più ti prendi cura degli altri e ti interessi a ciò che fanno e più ti incuriosirai dei loro comportamenti.


3. Sono capaci di cambiare rotta

Gli intelligenti emotivi sono persone felissibili e adattabili (resilienti). Sanno che la paura di cambiare è paralizzante oltre ad essere una minaccia per la loro realizzazione. Sanno che il cambiamento è dietro l’angolo e riescono non solo a prevederlo ma anche a trovare un modo per adattarlo al meglio.

4. Conoscono i propri punti di forza e i propri punti deboli

Quindi non solo sono in grado di comprendere le emozioni, ma sanno quanto valgono e in cosa non riescono. Sanno anche, quindi, su cosa dover investire per raggiugengere i risultati che cercano. Possedere una buona intelligenza emotiva permette quindi di tenere in considerazione i punti forti, che contribuiscono al benessere, abbandonando gli atteggiamenti, gli ambienti e le persone che invece sono deleteri per loro

5. Sono dei buoni giudici dei caratteri

Una parte consistente dell’intelligenza emotiva è sicuramente data dalla consapevolezza sociale; l’abilità di leggere gli altri, comprendere come sono fatti e capire cosa sta succedendo loro.  Questa dote permette loro di essere abili nella definizione degli altri. Riescono a vedere e comprendere oltre ciò che è evidente.

6. E’ difficile offenderli

Se si è consapevoli di ciò che si è, è difficile che qualcuno possa dire o fare qualcosa che ferisca.  Le persone dotate di intelligenza emotiva hanno molta fiducia in loro stesse ed una mente aperta.  Si può ironizzare con loro e spesso utilizzano l’autoironia perchè hanno la capacità mentale di distinguere la linea che divide l’ironia dall’insulto.

7. Sanno come dire no ( a se stessi e agli altri)

Intelligenza emotiva significa conoscere come esercitare l’autocontrollo.  Una ricerca condotta a San Francisco dall’Università della California, mostra che più sono le difficoltà a dire no più è facile che si vivano esperienze di stress, burn-out e depressione. Dire di no è estremamente difficile per molte persone, ma “NO” è una parola potente che non bisognerebbe lesinare dall’utilizzare. Le persone dotate di intelligenza emotiva evitano frasi come: ” Non penso di poterlo fare” o ” Non ne sono sicuro” ma preferiscono un chiaro e netto NO.

8. Lasciano andare gli errori

Le persone emotivamente intelligenti prendono le distanze dai loro errori, ma riescono a farlo senza scordarli.  Li tengono alla giusta distanza per essere in grado di adattarli, aggiustarli o non ripeterli.  Occorre avere una buona consapevolezza di se per trovare il giusto equilibrio. Indulgere troppo sull’errore rende ansiosi e insicuri, mentre dimenticarli completamente favorisce il ripetersi dell’errore. La chiave della loro capacità di bilanciarsi fra indulgenza e obliòè nellìabilità di trasformare i fallimenti in ostacoli da superate. Questo favorisce la tendenza ad andare avanti anche quando si inciampa.

Vuoi provare il coaching per sviluppare la tua intelligenza emotiva? Richiedi un colloquio gratuito

9. Danno senza aspettarsi niente in cambio

Quando qualcuno da qualcosa spontaneamente senza aspettarsi niente in cambio, questo lascia una segno.  Le persone emotivamente intelligenti costruiscono rapporti solidi perchè pensano constantemente anche agli altri.

10. Non portano rancore

Le emozioni negative che sfociano nel rancore sono uno dei maggiori responsabili dello stress.  Basti pensare a tutte quelle situazioni che spingono ad assumere un atteggiamento di attacco o fuga- un meccanismo questo di sopravvivenza che si innesca quando ci sentiamo minacciati. La reazione è funzionale nel caso di minaccia concreta e reale, ma se lo stesso atteggiamento è mantenuto rispetto a situazioni passate alimentiamo solo ansia e stress, con conseguenze poco piacevoli per la salute (pressione sanguigna elevati, disturbi cardiaci, problemi intestinali etc. etc.).

11. Neutralizzano le persone “tossiche”

Avere a che fare con persone difficili è frustrante e stancante per molti. Ma chi ha un elevata IE riesce a controllare la relazione con le persone “tossiche” tenendo sotto controllo le proprie emozioni. Quando sono costrette a confrontarsi con persone così, riescono ad approcciarsi razionalmente. Distinguono le proprie emozioni da quelle degli altri e non permettono che la rabbia o la frustrazione prenda il sopravvento. Riescono inoltre a sintonizzarsi con le persone che incontrano comprendendone i punti di vista, riuscendo spesso a trovare soluzioni condivisibili anche dalle persone tossiche.  E anche quando la situazione sfugge di mano, le persone emotivamente intelligenti riescono ad evitare di essere coinvolte dall’altrui tossicità.

12. Non cercano la perfezione

Gli intelligenti emotivi non mirano alla perfezione, perchè sanno che non esiste. Gli esseri umani sono fallaci. Quando l’obiettivo è essere perfetti, inevitabilemente si vive il senso di fallimento, o perchè si abbandona il proposito o perchè non ci si arriva mai. In sintesi si passa il tempo a lamentarsi delle difficoltà incontrate o delle cose che si sarebbero potute fare diversament invece di guardare avanti e gioire dei risultati che si sono raggiunti o che si raggiugeranno in futuro.

13. Apprezzano ciò che hanno

Ritagliarsi uno spazio per ricordarsi quanto si è stati bravi non è solo la cosa giusta da fare è anche un modo per migliorare il tono dell’umore attraverso la riduzione del’ormone dello stress (in alcuni casi del 23 %). Davis, un ricercatore dell’Università della California ha scoperto che le persone che quotidianamente provano gratitudine per le cose che fanno o che hanno vivono meglio, hanno più energia e un umore più positivo. Il cortisolo più basso (ormone dello stress) pare giocare un ruolo fondamentale nella sensazione di benessere.

14. Sono disconnessi

Essere in grado di regolare il tempo di connessione è un indicatore di una buona intelligenza emotiva perché aiuta a tenere sotto controllo lo stress e a vivere ili momento. Quando si è raggiungibili 24 su 24 ci si espone costantemente a fattori stressanti.  Sforzarsi di essere off line spegnendo il telefono consente al corpo e alla mente una pausa. La tecnologia consente una comunicazione costante e l’aspettativa degli altri di poter raggiungere chiunque in qualsiamo momento. E’ estremamente difficile provare la sensazione di non essere stressati fuori dagli orari di lavoro searriva una mail, una chiamat,a un messaggio che  riporta con la testa al lavoro.

15. Limitano la caffeina

Bere grandi quantità di caffè provoca il rilascio di adrenalina che è la prima risorsa che si attiva nella pratica di attacco e fuga ( vedi la 10 caratteristica). Questo meccanismo elude il pensiero razionale ed è una risposta veloce ad una situazione di pericolo. E’ ottima quando si è attaccati da un orso ma non  è così funzionale quando si deve rispondere ad una mail importante. Quando la caffeina arriva al cervello e al corpo si scatena una reazione di stress, e le emozioni prendono il sopravvento nella gestione dei comportamenti.  La caffeina resta in circolo per molto tempo.  Le persone con un’alta intelligenza emotiva sanno che reazioni provoca e non lasciano che la caffeina prenda il sopravvento.

16. Dormono bene

E’ difficile sopravvalutare l’importanza del sonno. Quando dormiamo, il cervello si ricarica, elabora gli eventi del giorno salvandone alcuni e scartandone altri (ecco la ragione dei sogni), così facendo permette un risveglio lucido e vigile.
Chi possiede un elevata IE sa che non dormire abbastanza  limita il controllo di se stessi, abbassa l’attenzione  e riduce la memoria. Per questo dormire per loro è una priorità.

17. Smettono di avere pensieri negativi

Più ci si incatena a pensieri negativi più potere si da loro. Molti dei pensieri negativi sono solo pensieri non fatti. Quando si crede che una cosa negativa ci capiti sempre o che una cosa positiva non possa accadere è perchè c’è la tendenza del cervello a percepire così la realtà, ingigantendo un evento o negandolo.  Gli intelligenti emotivi separano i loro pensieri dai fatti così da interrompere il ciclo di negatività e trovare una via d’uscita, un nuovo punto di vista.

18. Non permettono a nessuno di limitare la loro gioia

Quando la gioia o la soddisfazione derivano dalle opinioni altrui, si cede ad altri la gestione della tua felicità. Le persone dotate di intelligenza emotiva sono felici per qualcosa che è capitato loro o che hanno fatto, non lasciano che i giudizi delle persone circostanti possano condizionare il loro stato emotivo. E’ molto difficile contenere le reazione a ciò che gli altri pensano,  ma si può cominciare non paragonando se stessi agli altri e considerando le opinioni degli altri come affari loro. In questo modo, non importa ciò che gli altri pensano o fanno, perchè la tua autostima viene da dentro.

 

Articolo tratto e tradotto da MOTTO words to live  di  Travis Bradberry

 

Immagine:  johnhain

Facebook Comments

Related Posts

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.