Blog

8 Orginali ricerche psicologiche sul Natale

8 Orginali ricerche psicologiche sul Natale

Abbiamo trovato delle ricerche curiose e, sicuramente originali, connesse, direttamente o indirettamente, al Natale. Ne abbiamo selezionate 8.  Si tratta di studi realmente effettuati e commisionati.

  • Cosa ci rende veramente felici a Natale?

    Noi tutti vorremmo trascorrere un felice Natale, ma come realizzare questo desiderio? Questa ricerca sulla correlazione fra felicità e Natale suggerisce che focalizzare l’attenzione sugli aspetti connessi al consumismo è associato livelli più bassi di felicità, mentre associare il Natale alla famiglia e agli affetti presenta livelli più alti. Non sconvolgenti, ma comunque più alti.

  • Come si reagisce al regalo brutto?

Ricevere regali può non essere piacevole. Presumiamo che le persone che sentiamo vicine ci conoscano così bene da regalarci proprio la cosa che vorremmo. Quindi quando ci presentano un regalo non soddisfacente la tendenza e a riflettere sulla relazione. Tuttavia gli uomini e le donne sembrano avere differenti meccanismi psicologici di difesa, ed una serie di studi lo confermano. Le donne tendenzialmente fingono di aver gradito il regalo mentre gli uomini sono più propensi a dire ciò che pensano.

  • Pensate che i soldi siano il regalo perfetto?

Questa ricerca ha scoperto che regalare soldi è probabilmente un brutto regalo forse perchè non sottolinea abbastanza l’intimità fra le persone e in alcuni casi segnala una differenza dello status sociale. In ogni caso regalare soldi è positivo se i riceventi sono bambini e non adulti.

  • Soddisfa di più donare o ricevere regali?

Come sapete, il Natale non è ricevere, ma è soprattutto donare. Questa ricerca, accurata, ha scoperto che spendere per gli altri ci da maggior felicità di quando lo facciamo per noi stessi.

Richiedi una consulenza psicologica gratuita.
  • Cosa dicono di te le decorazioni?

Uno studio suggerisce che le decorazioni poste all’esterno della casa portano le persone a pensare che chi vi abita sia più socievole e meglio integrato con la comunità e le attività sociali.

  • Il profumo del Natale

Il periodo natalizio è la stagione del consumismo sfrenato e i negozi sono affollati. Le canzoni di Natale risuonano ovunque. Ma avete mai incontrato l’odore del Natale? Secondo questa ricerca si:  le musiche natalizie con gli odori del Natale ci incoraggiano a frequentare determinati negozi invece che altri e ci spingono ad acquistare.

  •  Il buon cibo è per lo più presente nella testa.

Tutti noi, durante le feste, mangiamo molto, ma è merito dello chef? Brian Wansink, uno psicologo del cibo, descrive tutti i trucchi per aumentare la percezione positiva sul cibo che si mangia. E ‘tutta una questione di sfruttare l’‘effetto alone ‘. Lasciare il prezzemolo e il cerfoglio in giro, parlare dell’allevatore di tacchini biologici, usare suggestive etichette per il cibo che si sta servendo, dire che il vino è di prima categoria, anche se non è vero, contribuisce a rendere ciò che si mangia più buono.

  • Babbo Natale esiste

Questo studio si è posto l’obiettivo di capire perchè si continua a promuovere l’esistenza di Babbo Natale nei bambini. I 318 genitori intervistati hanno risposto che è la magia della storia che li induce a farlo.

 

Immagine: annca

Fonti:

http://link.springer.com/article/10.1023%2FA%3A1021516410457
http://www.spring.org.uk/2009/12/the-12-psychology-studies-of-christmas.php
http://www.spring.org.uk/2008/11/how-poor-gifts-affect-relationships.php
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/016748709190043S
http://science.sciencemag.org/content/319/5870/1687
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0148296304002000
Facebook Comments

Related Posts

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.